Come usare Bluestacks con Visual Studio e Xamarin

Come usare Bluestacks con Visual Studio e Xamarin

Come usare Bluestacks con Visual Studio e Xamarin: Visual Studio e Xamarin permettono di sviluppare app multipiattaforma (Android, iOS e Windows) con la possibilità di vedere in tempo reale le modifiche fatte.

Visual Studio permette di creare emulatori Android e regolarne ogni impostazione, in questo modo è possibile testare le app con diverse configurazioni e verificare se funzionerebbero correttamente con diversi schermi, processori, memorie ecc.

Se gli emulatori di Visual Studio sono davvero completi, e permettono di vedere l’app come se fosse su un telefono, di contro hanno che sono lenti, richiedono tempo per avviarsi e a volte hanno problemi nel funzionamento.

Fortunatamente è possibile utilizzare Bluestacks per testare le proprie app, vedendo in tempo reale tutte le modifiche fatte in Visual Studio.

Vediamo quindi come collegare Bluestacks a Visual Studio ed utilizzarlo per testare le proprie app per Android.

Come usare Bluestacks con Visual Studio e Xamarin

Iniziamo proprio da Buestacks, andiamo in Impostazioni, Avanzate ed attiviamo Bridge di Debug Android, segniamoci anche l’indirizzo IP e la porta associati (che generalmente sono 127.0.0.1:5555).

Ora torniamo in Visual Studio e clicchiamo su Strumenti, Android, Prompt dei Comandi ADB di Android.

nel Prompt dei comandi digitiamo:

adb connect 127.0.0.1:5555 e premiamo invio (ovviamente se indirizzo ip e porta fossero diversi, andranno digitati quelli presenti in Bluestacks.

Se tutto dovesse essere andato bene, riceveremo il messaggio adb connected.

Possiamo chiudere il Prompt dei comandi e tornare a Visual Studio.

Ora nell’elenco dei dispositivi android troveremo anche Bluestacks (con il nome del dispositivo impostato nelle preferenze, ad esempio nel mio caso è un Samsung S10+ e quindi su Visual Studio lo vedo come un Samsung).

Eseguendo il debug, Visual Studio compilerà il progetto ed invierà tutto a Bluestacks, che installerà l’app e la avvierà in automatico.

Ora possiamo testare il funzionamento dell’app su Bluestacks e contemporaneamente modificarne il codice in Visual Studio, vedendo quindi le modifiche in tempo reale su Bluestacks.

Claudio Masci

Sono innanzitutto un appassionato di informatica e tecnologia in generale. Lavoro in ambito informatico da circa 16 anni, spaziando in diversi campi, andando dalla programmazione web, allo sviluppo di software, dalla grafica alla modellazione 3d ed al video editing, ho sempre voluto approfondire ogni aspetto e questo mi ha permesso di lavorare in diversi ambiti informatici.

Rispondi