Come installare ed attivare una macchina virtuale con VirtualBox

Come installare ed attivare una macchina virtuale con VirtualBox

Come installare ed attivare una macchina virtuale con VirtualBox: Una macchina virtuale ci permette di avere un secondo dispositivo con un sistema operativo completamente scollegato da quello fisico.

Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Come installare ed attivare una macchina virtuale con VirtualBox

La macchina virtuale può essere utile per testare un nuovo sistema operativo oppure per effettuare delle prove e delle modifiche che potrebbero creare danni al proprio sistema.

La macchina virtuale è un dispositivo non reale, presente all’interno del nostro dispositivo reale.

Ci sono diversi software che permettono di creare degli ambienti virtuali.

Due dei migliori software di questo tipo sono:

Entrambi utilizzabili gratuitamente.

Perchè scegliere Virtualbox:

  • Open-Source
  • Occupa meno spazio
  • Non mantiene processi in background quando viene chiuso
  • Occupa poco spazio

Perchè scegliere VMware:

  • Più stabile
  • Sistemi guest più veloci

Installazione

L’installazione di entrambi i software è molto semplice e non richiede conoscenze particolari.

IMPORTANTE: Durante l’installazione viene creata una scheda di rete virtuale utilizzata per permettere ai sistemi guest di collegarsi ad internet, questo processo disabilita temporaneamente la connessione dell’host.

Dove scaricare i file ISO dei sistemi operativi

Quasi tutti i sistemi operativi sono scaricabili dai rispettivi siti web, Ubuntu dal sito ufficiale, Windows sia dal sito ufficiale che da rg-adguard.

Questi sono i sistemi operativi utilizzati nel video tutorial, ma è possibile utilizzare qualsiasi altro sistema operativo.

Limitazioni OS X

Oracle Virtualbox può essere installato anche su Mac, ma non permette di usare sistemi operativi Apple come guest su Windows e Linux.

Impostazioni della macchina virtuale

Scheda di rete

Quando configuriamo lamacchina virtuale abbiamo la possibilità di scegliere come deve comportarsi la scheda di rete.

L’impostazione più sicura è NAT (attiva di default) che non espone gli altri dispositivi.

Utilizzando bridge è possibile far dialogare tra loro tutti i dispositivi collegati alla stessa rete, quindi il sistema guest potrà vedere tutti i dispositivi connessi in rete ed accede ai file condivisi.

Appunti Condivisi

Da appunti condivisi è possibile scegliere se condividere gli appunti tra host e guest, con 4 scelte:

  • Disattivato (predefinito)
  • solo da host a guest
  • solo da guest a host
  • bidirezionale

Trascina e rilascia

Cosi come gli appunti condivisi, anche trascina e rilascia offre 4 scelte, in questo caso possiamo decidere se permette di trascinare file da una macchina all’altra.

Cartelle condivise

In cartelle condivise possiamo scegliere una o più cartelle del sistema host da rendere visibili al sistema guest.

In questo modo il guest potrà accedere ai file di quelle cartelle senza accedere all’interno sistema host.

Si può anche scegliere di rendere quelle cartelle in sola lettura, in questo modo i file sono accessibili ma non modificabili.

Video Tutorial Completo

https://youtu.be/2nOcxNA_FQc
Claudio Masci

Sono innanzitutto un appassionato di informatica e tecnologia in generale. Lavoro in ambito informatico da circa 16 anni, spaziando in diversi campi, andando dalla programmazione web, allo sviluppo di software, dalla grafica alla modellazione 3d ed al video editing, ho sempre voluto approfondire ogni aspetto e questo mi ha permesso di lavorare in diversi ambiti informatici.

Rispondi