Come scoprire a quale sito rimandano gli URL accorciati

Come scoprire a quale sito rimandano gli URL accorciati

Come scoprire a quale sito rimandano gli URL accorciati: A tutti è capitato di ricevere almeno una volta uno Short URL, cioè un link corto facile da condividere (e a volte da ricordare) che però rimanda ad un sito completamente diverso.

Questi link sono sicuramente molto utili per condividere facilmente un link ad una pagina web che magari ha un indirizzo molto lungo.

Sono molto utilizzati sui social o negli sms, per risparmiare caratteri, ma a volte questi link possono nascondere sgradite sorprese.

Infatti a volte possono essere utilizzati per nascondere siti web dannosi che possono rubarci dati o danneggiare i nostri dispositivi.

Diventa quindi molto importante, prima di cliccare su uno short link assicurarsi che il sito di destinazione sia sicuro e che sia effettivamente quello che vogliamo visitare.

Per questo motivo, quando non siamo sicuri della fonte che ci ha inviato il link è meglio verificare su quele sito si verrà rimandati dopo aver cliccato su quel link.

Per farlo ci sono diversi servizi online gratuiti e facili da utilizzare, in questo articolo ne vedremo 2 molto simili tra loro.

Come scoprire a quale sito rimandano gli URL accorciati

I 2 servizi online sono:

In entrambi i casi, le operazioni da compiere sono molto semplici, ci basterà collegarci ad uno dei 2 siti ed incollare lo Short URL ricevuto e poi cliccare sul pulsante presente di fianco.

Il sito andrà ad analizzare il link, e dopo qualche secondo ci mostrerà il sito che si aprirà cliccando su quel link.

In questo modo possiamo sapere in anticipo quale sito è e ricevere anche informazioni sulla sicurezza di quel sito.

Claudio Masci

Sono innanzitutto un appassionato di informatica e tecnologia in generale. Lavoro in ambito informatico da circa 16 anni, spaziando in diversi campi, andando dalla programmazione web, allo sviluppo di software, dalla grafica alla modellazione 3d ed al video editing, ho sempre voluto approfondire ogni aspetto e questo mi ha permesso di lavorare in diversi ambiti informatici.

Rispondi