Google+ chiuderà definitivamente il 2 Aprile 2019

Google+ chiuderà definitivamente il 2 Aprile 2019

Google+ chiuderà definitivamente il 2 Aprile 2019

Nelle aspettative di Google, il suo social network Google+, avrebbe dovuto superare Facebook, ma cosi non è stato, e cosi ad 8 anni dal suo lancio (28 giugno 2011) Google ha deciso di chiuderlo definitivamente.

Nonostante fosse riuscito ad attirare un buon numero di utenti, Google+ non è mai riuscito davvero ad ottenere il successo sperato da Google, rimanendo molto indietro rispetto agli altri social network, per questo motivo Google ha preso la decisione di chiuderlo definitivamente e cancellare tutti gli account Google+.

Gli utenti hanno tempo fino al 2 aprile per salvare eventuali immagini o dati caricati sul proprio profilo prima che vengano cancellati definitivamente.

La chiusura sarà effettuata in 2 step, a partire dal 4 febbraio non sarà più possibile creare profili, pagine o eventi Google+, mentre i profili già creati resteranno attivi fino al 2 aprile, giorno in cui verranno disattivati e rimossi dai server Google.

Inoltre nelle prossime settimane saranno anche disattivati i pulsanti “Accedi con Google+” presenti sui siti che poi verranno sostituiti con il pulsante “Accedi con Google”.

Questa modifica è valida anche per eventuali commenti scritti su blogger utilizzando gli account Google+, alla chiusura dell’account i commenti verranno rimossi.

Per maggiori informazioni Google ha reso disponibile una pagina, consultabile cliccando qui.

Claudio Masci
Claudio Masci

Sono innanzitutto un appassionato di informatica e tecnologia in generale. Lavoro in ambito informatico da circa 16 anni, spaziando in diversi campi, andando dalla programmazione web, allo sviluppo di software, dalla grafica alla modellazione 3d ed al video editing, ho sempre voluto approfondire ogni aspetto e questo mi ha permesso di lavorare in diversi ambiti informatici.

    Rispondi

    X
    Mostra
    facebook
    twitter
    youtube
    reddit
    follow us in feedly
    Flipboard