Avast e AVG spiano i loro utenti

Avast e AVG spiano i loro utenti

Avast e AVG spiano i loro utenti

Avast e AVG spiano i loro utenti: Da una ricerca effettuata da PCMag e Vice è risultato che Avast ed AVG spiano i loro utenti.

A quanto pare, Avast (ed AVG che è diventata di proprietà di Avast a partire dal 2016) durante l’installazione chiedono se “non ci da fastidio condividere alcuni dati di utilizzo” con loro.

Ovviamente, chiunque avrebbe pensato che si riferissero ai dati di utilizzo degli antivirus stessi e non dell’intero sistema operativo.

Invece, sembra che qualsiasi ricerca effettuata sul proprio PC sia stata registrata da Avast ed inviata ad un’azienda chiamata Jumpshot che collabora con diverse altre aziende.

Alcuni dati che potrebbero essere inviati a Jumpshot sono: i prodotti ricercati su Amazon, le ricerche effettuate su Google, i video cercati e visti su YouTube e ricerche effettuate su siti porno.

Un antivirus non dovrebbe proteggere la privacy degli utenti?

Tralasciando il lato etico, la domanda che mi sono fatto è: la funzione dell’antivirus, oltre ovviamente proteggere dai virus, non è proprio quella di evitare che vengano installati trojan o altri software che spiano gli utenti inviando i loro dati a chissà chi?

Quindi secondo gli autori, non è corretto che lo faccia uno sconosciuto ma è lecito se fatto direttamente dagli sviluppatori dell’antivirus stesso?

Firefox, Google Chrome ed Opera hanno bloccato le estensioni di Avast ed AVG

Attualmente Firefox, Chrome ed Opera hanno bloccato tutte le estensioni di Avast ed AVG.

Questo è stato necessario per ridurre al minimo la possibilità di spiare quello che gli utenti fanno con i loro browser.

Il CEO di Avast risponde

In risposta al polverone che si è alzato con questa ricerca, il CEO di Avast ha annunciato che termineranno immediatamente la collaborazione con Jumpshot.

Ma questo è sufficiente? Personalmente mi sembra troppo comodo, dopo essere stati scoperti cercare di ridurre al minimo i danni.

Credo che un’azione del genere porterà molti utenti a perdere completamente fiducia in queste due aziende, e prevedo sicuramente molte disinstallazioni dei loro prodotti.

Per quanto mi riguarda, in passato ho spesso consigliato AVG come antivirus gratuito, attualmente non lo farei più.

L’articolo di PCMag e Vice

Come detto la scoperta è stata fatta da PCMag e Vice, che sui loro siti spiegano del dettaglio cosa hanno scoperto.

Per chi volesse leggere la notizia direttamente dalle fonti, questo è l’articolo di PCMag e questo quello di Vice.

Alternative gratuite ad Avast ed AVG

Personalmente uso da tanti anni Eset Internet Security (che è a pagamento) e dopo una breve parentesi di alcuni mesi durante i quali ero passato ad AVG free, attualmente uso di nuovo Eset Internet Security, che mi sento di consigliare a tutti.

Per chi invece volesse provare altri antivirus gratuiti, alcuni abbastanza validi sono: Avira, BitDefender e Kaspersky.

Avast e AVG spiano i loro utenti

Per concludere, sicuramente questa notizia non mette in buona luce gli sviluppatori di antivirus, che già spesso vengono accusati di essere i primi a sviluppare virus per vendere i loro prodotti.

Se quell’accusa mi sembra abbastanza irreale, questa su Avast ed AVG è provata, probabilmente ora le cose cambieranno e faranno attenzione alla privacy dei loro utenti, ma voi avete ancora fiducia in loro?

Fatemi sapere cosa ne pensate, continuerete ad usare i loro prodotti? Ne usate altri? Quale antivirus preferite?

Claudio Masci
Claudio Masci

Sono innanzitutto un appassionato di informatica e tecnologia in generale. Lavoro in ambito informatico da circa 16 anni, spaziando in diversi campi, andando dalla programmazione web, allo sviluppo di software, dalla grafica alla modellazione 3d ed al video editing, ho sempre voluto approfondire ogni aspetto e questo mi ha permesso di lavorare in diversi ambiti informatici.

Rispondi