Critiche ad Audacity – Cosa sta succedendo

Critiche ad Audacity – Cosa sta succedendo

Critiche ad Audacity – Cosa sta succedendo: Da qualche giorno utenti e siti web del settore stanno criticando Audacity considerandolo uno spyware e consigliandone la disinstallazione.

Tutto è iniziato il 2 Luglio 2021, quando Audacity ha aggiornato i termini relativi all’utilizzo del programma e alla privacy degli utenti.

Nello specifico è gli sviluppatori dichiarano che Audacity raccoglierà i dati di utilizzo degli utenti sia per migliorare il software che per eventuali problematiche di tipo legale.

Se per il primo aspetto i dati raccolti sono chiari (Versione OS, Nazione, IP, CPU, Codice Errori) per il secondo punto gli autori sono rimasti molto sul vago.

Inoltre hanno aggiunto un paragrafo relativo ai minori di 13, nel quale viene espressamente dichiarato che i minori di 13 anni non possono utilizzare Audacity.

Questo perchè per le leggi mondiali, non è possibile in nessun modo raccogliere i dati di utilizzo o le informazioni dei minori.

Queste nuove modifiche hanno quindi fatto pensare che Audacity collezionasse troppe informazioni sui propri utenti.

Critiche ad Audacity – Cosa sta succedendo

Molti siti hanno etichettato Audacity come spyware, cosa assolutamente sbagliata.

Lo spyware è un programma che raccoglie dati degli utenti senza il loro consenso, mentre utilizzando Audacity si accettano i termini di utilizzo, nei quali è specificata la raccolta dei dati.

Inoltre sono tantissimi i programmi che raccolgono i dati di utilizzo dei loro utenti.

Quindi Audacity è e non può essere considerato uno spyware, inoltre al momento tutte le soluzioni antivirus lo considerano assolutamente sicuro.

Cosa fare?

Le possibili scelte sono 4:

  • Ignorare la situazione e continuare ad utilizzare Audacity, non c’è motivo al momento di ritenerlo un software pericoloso
  • Continuare ad usare Audacity ma bloccarlo con un firewall per evitare che possa collegarsi ad internet ed inviare informazioni (quasi tutte le suite antivirus hanno un firewall, ad esempio Eset Internet Security).
  • Usare una versione di Audacity precendete alla 3.0 (le vecchie versioni non raccoglievano ancora i dati, ma ovviamente non hanno le correzioni dei bug o le nuove funzionalità delle nuove versioni
  • Passare ad un’alternativa come OceanAudio o Wavosaur
Claudio Masci

Sono innanzitutto un appassionato di informatica e tecnologia in generale. Lavoro in ambito informatico da circa 16 anni, spaziando in diversi campi, andando dalla programmazione web, allo sviluppo di software, dalla grafica alla modellazione 3d ed al video editing, ho sempre voluto approfondire ogni aspetto e questo mi ha permesso di lavorare in diversi ambiti informatici.

Rispondi